Se mangi cibi biologici, usi prodotti privi di sostanze chimiche a casa tua e stai lontano da aree altamente inquinate, dovresti essere protetto dai problemi di salute legati ai prodotti chimici, giusto?

Sfortunatamente no.

A nuovo studio condotto in Italia ha rilevato che il pesticidi agricoli in campi fortemente irrorati come i meleti e le vigne spesso si spostano in luoghi pubblici vicini, come i parchi giochi.

Risultati chiave

  • 71 parchi giochi pubblici localizzate accanto ad aree di agricoltura convenzionale a gestione intensiva sono state monitorate.
  • Quasi metà dei parchi giochi monitorati (45%) erano contaminati da almeno un pesticida e a quarto (24%) di più di uno.
  • 11 di 12 i pesticidi rilevati sono classificati come "Endocrino-attivo", che possono alterare lo sviluppo iniziale e avere effetti dannosi a lungo termine.
  • I risultati mostrano che la distanza tra i parchi giochi e le aree agricole dovrebbe essere di almeno 100 m, nonostante le condizioni di vento forte potrebbe portare i pesticidi oltre 300 mm e possibilmente oltre.

Questi risultati suggeriscono che anche il consumo di una dieta biologica non esenta necessariamente le persone dall'esposizione ai pesticidi, poiché i pesticidi possono diffondersi nell'aria nelle aree pubbliche vicine. Lo studio si conclude spiegando che la contaminazione da pesticidi può continuare ad aumentare nel corso della stagione del raccolto.

Le conclusioni di questo studio evidenziano le conseguenze di vasta portata dell'uso intensivo di pesticidi su popolazioni ignare e creano un quadro più olistico del costo dell'uso di pesticidi che va oltre il sistema alimentare.

Questo è in aggiunta a quanto già noto sugli effetti dei pesticidi qualità dell'acqua, biodiversità, più clima. L'unico modo per prevenire la diffusione di sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino è passare a a organico rigenerativo sistema agricolo che rimuove completamente i pesticidi sintetici dall'equazione.

Leggi lo studio completo qui
Per ulteriori aggiornamenti sulla nostra ricerca e programmazione, seguici su Facebook, Instagrame Twitter.