• Come faccio a sapere che quello che sto acquistando è biologico?

    Nel negozio di alimentari, cerca il sigillo biologico certificato USDA. Tutti i prodotti che portano quell'emblema sono stati certificato dall'USDA come conforme agli standard del programma biologico nazionale. "100% biologico" significa che il prodotto è stato realizzato con ingredienti biologici certificati al 100% e coadiuvanti tecnologici. Come tutti gli alimenti biologici, non conterrà OGM. Semplicemente "biologico" accompagnato dal sigillo USDA significa che il prodotto è stato realizzato con almeno il 95% di ingredienti biologici certificati.

    Se l'articolo dice "biologico" ma non ha il sigillo USDA, solo una parte degli ingredienti sono biologici e il produttore è tenuto a indicare quali sull'etichetta.

    Non esiste una regolamentazione sull'uso dei termini "naturale" o "tutto naturale" e i termini significano poco: i prodotti etichettati come tali possono essere realizzati utilizzando metodi non biologici e possono contenere OGM.

    Se acquisti prodotti al mercato del contadino, il modo migliore per determinare come è stato coltivato il cibo è parlare con l'agricoltore. Non tutti i piccoli produttori sono idonei o in grado di ottenere la certificazione USDA, ma possono comunque coltivare utilizzando metodi biologici.

  • Ho sentito che il biologico non sarà in grado di nutrire la popolazione in crescita.

    Prove di quasi 40 anni di ricerca attraverso il Prova dei sistemi di allevamento dice il contrario. I nostri risultati hanno determinato che i raccolti delle colture di cereali organici, che costituiscono la maggior parte della produzione alimentare globale, sono competitivi con i raccolti convenzionali dopo un periodo di transizionee i rendimenti organici superano quelli convenzionali in tempi di siccità fino al 40%.

    La verità è che il nostro clima è sempre più instabile e nei prossimi anni assisteremo a un aumento sia degli estremi che delle variazioni di temperatura e precipitazioni in tutto il mondo. Per nutrire veramente una popolazione in crescita, abbiamo bisogno di sistemi agricoli forti e resilienti in grado di resistere al cambiamento e continuare a produrre nutriente, cibo abbondante. Ecco perché il futuro è organico.

  • Ho sentito che il biologico utilizza più terra ed è peggio per l'ambiente.

    Gli agricoltori convenzionali coltivano monocolture - vaste piantagioni di un singolo raccolto, come mais o soia - stagione dopo stagione, supponendo che tali operazioni siano l'uso più efficiente della terra. Tuttavia, queste monocolture richiedono alti livelli di fertilizzanti sintetici per continuare a produrre rese elevate e si esauriscono suolo e ridurre notevolmente biodiversità, danneggiando gli ecosistemi in generale. I metodi convenzionali contribuiscono a inquinamento dell'acqua, le emissioni di gas a effetto serra e potrebbe essere collegato a un calo del nutrizione del nostro cibo.

    Gli agricoltori biologici coltivano molti tipi di colture, incoraggiando la biodiversità e le complesse relazioni tra le specie che possono migliorare la salute del suolo e delle piante. Il nostro lungo termine Prova dei sistemi di allevamento, che mette a confronto sistemi convenzionali e biologici fianco a fianco, ha scoperto che i sistemi biologici utilizzano il 45% in meno di energia, rilasciano il 40% in meno di emissioni di carbonio e migliorano la salute e la quantità di suolo nel tempo.

  • Che cosa sono gli OGM?

    Gli OGM, o organismi geneticamente modificati, sono esseri viventi il ​​cui codice genetico è stato alterato. In genere, un pacchetto di geni viene preso da un organismo non correlato e inserito nell'OGM per creare un tratto desiderato, come la resistenza agli erbicidi. Un OGM resistente agli erbicidi sopravviverà se spruzzato mentre le erbacce vicine muoiono. Gli OGM esistono per molte ragioni e in molte forme; ai fini di questa discussione, utilizziamo OGM per indicare una coltura che è stata modificata per tollerare erbicidi chimici, come le colture prodotte dalla Monsanto (ora Bayer).

    Il problema è che questi OGM non sono stati all'altezza delle loro promesse e hanno facilitato pratiche agricole scadenti, come il monocoltura e l'uso intenso di sostanze chimiche tossiche. La natura si adatta. Le sostanze chimiche che una volta erano sufficienti per uccidere le erbacce diventano meno efficaci al variare della pressione delle infestanti, richiedendo un'applicazione più intensa per ottenere lo stesso risultato e molte di queste sostanze chimiche finiscono nella nostra aria e corsi d'acqua. Da quando abbiamo introdotto gli OGM, stiamo usando più erbicidi che mai, non meno.

    Forse ancora più importante, l'ascesa di questi OGM ha creato un sistema integrato verticalmente di proprietà dell'azienda chimica. Gli agricoltori diventano semplici implementatori del progetto di qualcun altro, obbligati a pagare una tassa di licenza su ogni sacco di semi e vulnerabili a procedimenti giudiziari. Le colture OGM possono semplificare la produzione alimentare, richiedendo meno persone per gestire più acri, ma il guadagno a breve termine arriva a costi culturali e spirituali. Il frattura delle comunità rurali in cui le giovani generazioni non vedono futuro è una conseguenza diretta di questo tipo di agricoltura industriale.

    La coltivazione di OGM è in definitiva miope e riduzionista, e mette il potere nelle mani di pochi. Agricoltura biologica rigenerativa incoraggia invece un metodo espansionistico che metta il potere nelle mani di quanti più agricoltori possibile.

  • Gli agricoltori biologici non usano sostanze chimiche ancora più tossiche?

    Gli agricoltori biologici dovrebbero fare tutto il possibile per ridurre o eliminare la necessità di interventi chimici, creando sistemi agricoli che sono naturalmente forti e robusti per ridurre al minimo i casi di parassiti, malattie ed erbacce.

    Tuttavia, ci sono momenti in cui gli agricoltori biologici richiedono strumenti aggiuntivi. Il National Organic Standards Board mantiene un elenco di sostanze organiche approvate, inclusi pesticidi, erbicidi e vermifughi o integratori per il bestiame, che gli agricoltori biologici possono utilizzare. Queste sostanze sono di derivazione naturale e si degradano rapidamente dagli agenti atmosferici, oppure vengono facilmente scomposte dai microbi presenti nell'ambiente, riducendo la possibilità di esposizione umana.

    Le formulazioni di pesticidi chimici vengono manipolate nei laboratori e persistono per periodi di tempo più lunghi nell'ambiente. Sono estranei al corpo umano, che potrebbe vedere i composti come intrusi. Gli agricoltori convenzionali mirano a ridurre al minimo i residui chimici che finiscono sugli alimenti, ma i "livelli di sicurezza approvati" non sono statici e non tengono conto di più sostanze chimiche che possono essere trovate su o in un singolo pesticida o diserbante. Ciò che è considerato sicuro ora potrebbe cambiare man mano che apprendiamo di più sulle interazioni uniche tra cibo e la salute umana.

    Per un elenco completo delle sostanze organiche approvate, clicca qui.

  • Perché il biologico costa di più?
    • La domanda supera l'offerta. Le vendite di prodotti biologici sono aumentate di oltre il 70% dal 2008, ma solo l'1% della superficie coltivabile domestica è attualmente certificata biologica.
    • L'agricoltura biologica è più laboriosa e il mangime biologico è più costoso.
    • I sussidi governativi per gli agricoltori convenzionali riducono il costo complessivo di tali raccolti. La stessa sovvenzione non è disponibile per gli agricoltori biologici.
    • Mentre i clienti possono pagare di più in anticipo per un prodotto biologico, la società paga, sia letteralmente che metaforicamente, a sua volta per le conseguenze indesiderate dell'agricoltura convenzionale, inclusa l'erosione terreni, acqua inquinata, e un contadino suicidio crisi.
    • Il biologico è ancora nuovo e si avvicina alle economie di scala.
  • Cos'è la "Dirty Dozen"?

    Ogni anno, l'Environmental Working Group pubblica una guida per i consumatori ai tipi di prodotti con la maggior quantità di pesticidi residui. Puoi scaricarlo qui. Se non puoi permetterti di acquistare solo biologico, dai la priorità quando acquisti questo tipo di prodotti.

  • Il biologico è più nutriente?

    Ad oggi, nessuno studio ha esplicitamente confrontato il densità dei nutrienti di colture biologiche e convenzionali coltivate in condizioni controllate. Nostro Prova dei sistemi vegetali è il primo. Poiché il dato più affidabile è quello rilevato molti anni, intendiamo eseguire il VST per almeno 20 e speriamo di avere dati da condividere nei prossimi.

    Quello che sappiamo è che negli ultimi 70 anni c'è stato un calo del valore nutritivo dei nostri alimenti. Durante questo periodo, l'agricoltura industriale e convenzionale ha aumentato i raccolti e le dimensioni dei raccolti, ma il compromesso è stato un calo del contenuto di nutrienti, noto come "effetto di diluizione". Sappiamo che i metodi organici migliorano il suolo e che il suolo migliore porta a piante più sane - crediamo che entrambi contribuiscano a persone più sane. Sappiamo anche che gli alimenti biologici hanno meno residui di pesticidi.

Per ulteriori informazioni

Contattaci