Gladis Zinati, Ph.D.1, * e Lavanya Reddivari, Ph.D. 2 e Jinjun Kan, Ph.D.3

1Direttore della sperimentazione sui sistemi vegetali e ricercatore associato, Rodale Institute, 611 Siegfriedale Road, Kutztown, Pennsylvania 19530;
2Professore associato, Scienza dell'alimentazione, Purdue University, 745 Agriculture Mall Dr., West Lafayette, IN 47907;
3Ricercatore associato, Stroud Water Research Center, 970 Spencer Rd, Avondale, PA 19311;
*Autore corrispondente, e-mail: Gladis.Zinati@RodaleInstitute.org

Trova un PDF scaricabile di questo articolo scorrendo verso il basso fino alla sezione "Risorse".

La zucca invernale è una coltura importante in tutto il nord-est degli Stati Uniti In Pennsylvania, ci sono 868 acri dedicati alla zucca invernale in 602 fattorie. Tre varietà di zucca invernale stanno dominando il mercato commerciale, tra cui la ghianda (Cucurbita pepo), ranuncolo (Cucurbita massima) e butternut (Cucurbita).

Benefici alla salute:

Sebbene ogni varietà di zucca invernale abbia un profilo nutrizionale unico, tutte tendono ad essere ricche di minerali, vitamine e carotenoidi. I ricercatori hanno documentato una serie di benefici per la salute associati alla zucca gialla, che includono:

  • I carboidrati sotto forma di zuccheri e amido sono i principali costituenti della polpa di zucca butternut. L'amido contribuisce al contenuto di zucchero durante la degradazione enzimatica dovuta alla conservazione o alla cottura. Supporta livelli di zucchero nel sangue sani (basso contenuto di zucchero 4 g/100 g).
  • Fornisce una buona fonte di fibre alimentari. Aiuta la digestione e supporta una sana gestione del peso.
  • Soprattutto, rafforza il sistema immunitario umano in quanto è ricco di antiossidanti come fenoli, vitamine (A, C, B1 e B6) e minerali tra cui potassio (K), ferro (Fe), manganese (Mn) e magnesio (Mg ).
  • È ricco di carotenoidi sani che danno il colore giallo-arancio della polpa della zucca invernale.

Conservazione della zucca invernale:

Simile alla patata e alla patata dolce, la zucca invernale è un ottimo ortaggio che può essere conservato fino a 6-9 mesi in un'area di stoccaggio fresca e asciutta con temperature ideali tra 55 e 60 ◦F con umidità relativa (RH) dal 30% al 50% .

La lunga durata di conservazione della zucca butternut consente ai coltivatori di ortaggi di conservare i frutti stagionati fino a tre mesi e di ottenere un reddito prolungato durante la bassa stagione. Inoltre, lo stoccaggio e la disponibilità di zucca butternut sul mercato avvantaggia i consumatori includendo questo ortaggio nei loro pasti durante le vacanze del Ringraziamento e per tutta la stagione invernale.

Effetto della conservazione sui benefici nutrizionali:

Tra le cucurbitacee, i ricercatori hanno documentato che la conservazione a lungo termine delle zucche ha aumentato l'accumulo di fitonutrienti come luteina e carotene. Questi sono i componenti dei carotenoidi che danno il colore giallo arancio della polpa della zucca invernale.

Tuttavia, mancano informazioni su come i metodi di coltivazione possano influire sui fitonutrienti della zucca gialla al momento del raccolto e se conservati per un lungo periodo di tempo.

Effetto delle pratiche di gestione, dei sistemi e dello stoccaggio sulla zucca gialla:

In Pennsylvania, la zucca butternut viene coltivata su letti ricoperti di pacciame di plastica nera o su terreno nudo che richiede più coltivazioni tra le file per controllare le erbacce, che di solito vengono praticate prima che le viti crescano lateralmente.

L'interessante relazione tra fitonutrienti e conservazione nelle zucche ci ha portato ad avviare un'indagine per ottenere informazioni scientifiche sull'impatto del periodo di conservazione post-raccolta sulla qualità fitonutrizionale della zucca butternut quando coltivata secondo le pratiche di gestione e i sistemi di coltivazione sopra menzionati.

La crescente necessità di pratiche di gestione rigenerativa più sostenibili per migliorare la salute del suolo e la produzione di colture ricche di nutrienti, la zucca butternut è stata valutata in Vegetable Systems Trial (VST) a Rodale Institute con pratiche di lavorazione del terreno ridotta e intensiva nei sistemi di coltivazione biologici e convenzionali.

Nel VST, la zucca butternut viene coltivata nel terreno dove la coltura di copertura viene arata nel terreno con pratiche di lavorazione intensiva e letti formati e ricoperti di plastica nera. Le piante di zucca sono paragonate a quelle coltivate in terreno con lavorazione a rotazione ridotta in cui la coltura di copertura funge da pacciame. Con queste due pratiche, la zucca butternut 'Waltham' viene coltivata in un sistema di coltura biologica in cui la coltura di copertura (veccia pelosa: segale di cereali; 30:90 lb/acro) viene terminata utilizzando una piegatrice a rulli e un sistema di coltura convenzionale dove la coltura di copertura (segale di cereali a 100 libbre/acro) viene terminata applicando glifosato, un erbicida, per bruciare la biomassa della coltura di copertura prima di trapiantare le piantine di zucca. In uno studio supportato dal Dipartimento dell'Agricoltura della Pennsylvania, abbiamo valutato l'impatto del periodo di conservazione (0, 30, 60 e 90 giorni) sulla qualità dei nutrienti dopo che la zucca butternut è stata curata per 2-3 settimane dopo la raccolta da VST.

In questo articolo web riportiamo un'istantanea dei risultati:

  • Nutrienti minerali: I nutrienti minerali nella zucca butternut non sono cambiati con il periodo di conservazione. Tuttavia, le concentrazioni di azoto (N), fosforo (P), zolfo (S), rame (Cu), boro (B) e zinco (Zn) erano statisticamente maggiori nella zucca butternut coltivata biologicamente rispetto alla zucca convenzionale. Nessuna differenza significativa nelle concentrazioni di K, Mg, calcio (Ca), Mn e Fe tra zucca biologica e convenzionale. Il livello di concentrazione di B era maggiore nella zucca butternut coltivata con pratica di lavorazione ridotta, mentre le concentrazioni di Zn e Mn erano maggiori nella zucca coltivata con pratica di lavorazione intensiva.
  • Proteine ​​totali: Il livello proteico totale nella zucca coltivata biologicamente era maggiore rispetto alla zucca convenzionale. Il leggero aumento delle proteine ​​durante il periodo di conservazione non era statisticamente significativo. Tuttavia, il livello di proteine ​​era statisticamente maggiore nella pratica della lavorazione intensiva rispetto alla lavorazione ridotta.
  • Fenoli totali: La zucca coltivata biologicamente aveva livelli maggiori di fenoli totali rispetto alla zucca coltivata in modo convenzionale. Non vi è stato alcun effetto significativo della pratica di gestione della lavorazione del terreno sui fenoli totali. Tuttavia, poiché il periodo di conservazione è aumentato da 0 giorni a 60 giorni, i fenoli totali sono diminuiti del 20%.
  • Carotenoidi: Il livello di alfa-carotene era 3 volte maggiore del livello di luteina. I carotenoidi (luteina e alfa-carotene) nel convenzionale erano maggiori che nel biologico. I carotenoidi nella zucca coltivata con pratica di lavorazione ridotta erano maggiori di quelli con pratica di lavorazione intensiva. I livelli di luteina e alfa-carotene sono aumentati con l'aumentare del periodo di conservazione tra 0 giorni e 60 giorni di conservazione. L'aumento della luteina è stato 2 volte maggiore mentre l'aumento dell'alfa carotene è stato 3 volte maggiore.
  • Zucchero: Il livello di zucchero nella zucca butternut era significativamente maggiore nel convezionale che nel biologico e aumentava del 50% con il tempo di conservazione.

In sintesi:

Periodo di conservazione fenoli totali linearmente ridotti e aumento dei livelli di carotenoidi e zuccheri. Nessun impatto significativo dello stoccaggio sui nutrienti minerali e sui livelli proteici nella zucca butternut.

Sistema di coltivazione: Il sistema biologico ha aumentato i livelli di diversi nutrienti minerali principalmente N, P, S, Cu e Zn, proteine ​​totali e fenoli, mentre il sistema convenzionale ha aumentato i livelli di carotenoidi e zucchero nella zucca butternut.

Gestione della lavorazione del terreno: I livelli di carotenoidi e B sono aumentati nella pratica della lavorazione del terreno ridotta, mentre le proteine ​​totali, Mn e Zn sono aumentate nella zucca butternut coltivata in modo intensivo.

Pertanto, i coltivatori convenzionali di zucca butternut che praticano la lavorazione intensiva possono produrre zucca butternut ricca di carotenoidi e zuccheri e quei nutrienti aumenteranno con lo stoccaggio. D'altra parte, i coltivatori biologici possono vendere ai consumatori zucca butternut conservata ricca di minerali, proteine ​​e fenoli (conservata fino a 30 giorni) e povera di zucchero.