Risposta breve: sì!

Quando si cammina per il negozio di alimentari, i consumatori sono bombardati da dozzine di etichette che affermano "100% naturale", "tutto naturale", "biologico" e "non OGM", solo per citarne alcuni. Senza una definizione chiara di "naturale" quando si parla di cibo, è facile presumere che il cibo naturale e biologico siano più o meno la stessa cosa. Questo semplicemente non è il caso.

Cosa significa veramente "naturale"?

La politica ufficiale della Food and Drug Administration (FDA) per l'etichetta naturale afferma che "l'agenzia non si è opposta all'uso del termine se il cibo non contiene coloranti, aromi artificiali o sostanze sintetiche". Il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) non regola l'uso dell'etichetta naturale per le colture. Per questo motivo, i consumatori sono lasciati a trarre conclusioni affrettate su ciò che va nei loro prodotti alimentari "naturali".

A dicembre di 2018, Istituto FrameWorks ha pubblicato un rapporto di ricerca intitolato "Il paesaggio del pensiero pubblico sull'agricoltura", esplorando le differenze tra la comprensione dell'agricoltura da parte degli esperti e quella del pubblico. Nel corso di questa ricerca, FrameWorks Institute ha intervistato membri del pubblico per determinare diversi presupposti e modelli di ragionamento che circondano l'agricoltura. Molti partecipanti a questo studio hanno descritto il cibo "naturale" come non toccato dagli esseri umani, puro e sano, privo di sostanze chimiche prodotte dall'uomo e non OGM.

Contrariamente all'opinione pubblica, il cibo che pretende di essere "naturale" può essere fortemente influenzato dalle attività umane. Secondo l'American Society for Nutrition, qualsiasi "alimento contenente aromi naturali, dolcificanti o altre sostanze di origine vegetale può essere etichettato come naturale" indipendentemente dal fatto che sia o meno carico di pesticidi. Per legge, gli alimenti biologici non possono essere coltivati ​​con pesticidi, ma non esistono leggi in vigore per "naturale".

Inoltre, gli alimenti con ingredienti geneticamente modificati e sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio altamente trasformati possono essere etichettati come naturali. Detto questo, nella stessa relazione, l'opinione pubblica pensava che "le colture geneticamente modificate ... sono viste non solo come malsane per l'uomo e l'ambiente naturale, ma anche come moralmente discutibili". Con un'etichetta "naturale", non vi è alcuna garanzia che il prodotto non sia OGM, eppure le stesse persone che non amano gli OGM acquistano cibo "completamente naturale".

Per quanto riguarda la carne, l'USDA regola l'etichetta naturale; la carne naturale, il pollame e le uova non contengono ingredienti artificiali o coloranti aggiunti e sono lavorati solo in minima parte, secondo l'USDA. Tuttavia, l'USDA non richiede che la carne etichettata come "naturale" sia priva di ormoni e antibiotici.

Biologico: il vero affare

Contrariamente agli alimenti che si dichiarano "naturali", l'USDA e la FDA regolano pesantemente gli alimenti che ottengono il Etichetta biologica certificata USDA. Per questo motivo, ci sono molti ostacoli che devono essere superati per ottenere quell'etichetta "organica". La terra deve essere priva di tutte le sostanze proibite per almeno 3 anni prima che le colture possano essere certificate biologiche, dopodiché gli agricoltori devono ancora sottoporsi a regolari ispezioni e audit. L'acquisto di prodotti biologici garantisce che il cibo che stai mangiando non contiene pesticidi o sostanze chimiche tossiche, né ormoni della crescita sintetici o antibiotici, né OGM, né additivi artificiali o conservanti e viene coltivato / allevato utilizzando metodi di agricoltura biologica. Il biologico è sempre naturale e non OGM, ma non si può dire il contrario.

È comprensibile essere male informati o confusi da queste informazioni; non è pubblicizzato attivamente. Noi consumatori presumiamo di poterci fidare delle persone che ci vendono il nostro cibo. Nascondere informazioni è dannoso quanto mentire. Tuttavia, mettere l'etichetta "biologico" su un prodotto non è solo schiaffeggiare una parola sulla confezione senza responsabilità; è una promessa che ciò che stai mangiando è stato prodotto senza prodotti chimici di sintesi o modificazioni genetiche.

Anche il pubblico sa che il biologico fa bene. Il rapporto afferma che "le persone pensano ai prodotti biologici e coltivati ​​localmente come più puri, come più sani e, implicitamente, moralmente preferibili perché non pervertono la natura". I prodotti organici fanno sentire le persone sicure di non introdurre sostanze chimiche dannose nel loro corpo o nell'ambiente.

La verità è che l'etichetta biologica consente al consumatore di sapere che il cibo che sta ingerendo è certificato e ispezionato per garantire il rispetto delle normative che vietano pesticidi, OGM e antibiotici. A meno che non venga messa in atto una definizione più rigorosa e una serie di regolamenti per "naturale", i consumatori che cercano di prendere decisioni informate dovrebbero diffidare dell'etichetta alimentare "naturale" e scegliere alimenti biologici.

Leggi il rapporto completo di seguito. 

Per ulteriori aggiornamenti sulla nostra ricerca e programmazione, seguici su Facebook, Instagrame Twitter.