Questo post del blog fa parte di una serie speciale chiamata "The Truth About Organic". Voglio di più? Scarica la guida completa "La verità sul biologico" qui.

Una tendenza spaventosa

maiali confinati
Negli allevamenti intensivi, gli animali vengono allevati al chiuso in isolamento

Negli ultimi decenni, gli allevamenti intensivi hanno rilevato la fornitura globale di carne. Queste operazioni consolidate e su larga scala allevano ogni anno da centinaia a migliaia di animali. Il loro obiettivo è la massima produzione al minor costo, e ciò va a scapito del benessere degli animali e della salute ambientale.

La prevalenza degli allevamenti intensivi è aumentata con la crescita della domanda di carne e latte in tutto il mondo e questa tendenza continua. Soprattutto con l'aumento dei redditi nei paesi in via di sviluppo, aumenterà anche la domanda di prodotti animali. Si prevede che entro il 2050 la produzione globale di carne e latticini aumenterà di oltre il 150%.1

Il nostro pianeta può sopportare il fardello? Nel 2017, l'EPA ha riferito che l'agricoltura ha contribuito a quasi il 10% di tutte le emissioni di gas a effetto serra e il bestiame ne ha rappresentato un intero terzo.2 La produzione e la lavorazione dei mangimi per animali contribuisce alla maggior parte di queste emissioni, con il letame in linea.3 Non è un segreto che i metodi di allevamento intensivo danneggino la nostra aria, l'acqua e il suolo.

Tuttavia, è un mito che l'agricoltura animale debba essere distruttiva o che dobbiamo smettere di mangiare carne per salvare il pianeta.

Non è la mucca, è il come.

Gli sfortunati fatti dell'allevamento industriale

Violazioni del benessere degli animali

  • Negli allevamenti intensivi, o CAFO (Confined Animal Feeding Operations), gli animali vengono spesso allevati al chiuso sotto la luce artificiale in piccoli recinti. Le scrofe allevate per la produzione convenzionale di carne suina trascorrono quasi tutta la loro vita in cassette dove non possono voltarsi fisicamente. Le galline sono ammassate in edifici senza finestre. Gli animali sono sovraffollati all'interno o all'esterno.
  • La mancanza di pascoli crea vaste "lagune di letame" che creano condizioni antigeniche che, insieme al sovraffollamento, generano malattie degli animali.
  • Modifiche come il taglio del becco e il taglio della coda sono comuni.

Violazioni ambientali

  • Solo negli Stati Uniti, il bestiame allevato in fabbrica produce 500 milioni di tonnellate di rifiuti all'anno, ovvero 17 volte la quantità di acque reflue prodotte dall'intera popolazione statunitense.45 Il letame di bestiame non deve essere trattato.
  • I pozzi di letame degli allevamenti intensivi sono facilmente erosi in caso di forti piogge o tempeste. Durante le recenti inondazioni nella Carolina del Nord, le violazioni in diversi allevamenti hanno scaricato milioni di litri di rifiuti di maiale - contenenti antibiotici, insetticidi e potenziali patogeni come la salmonella - nella rete idrica locale.6
  • Gli allevamenti intensivi alimentano mais e soia. Il fertilizzante utilizzato per coltivare quelle colture combinato con i nutrienti in eccesso dai rifiuti animali scorre nei corsi d'acqua. Questo crea fioriture di alghe che soffocano la vita acquatica. I rifiuti agricoli sono un grande contributo a queste "zone morte", compresa la lunghezza di 900 miglia quadrate nel Golfo del Messico.
Le alghe tossiche fioriscono nel lago Erie
Una fioritura di alghe nel lago Erie. Foto: NASA

Preoccupazioni per la salute umana

  • L'80% di tutti gli antibiotici prodotti negli Stati Uniti viene somministrato o somministrato al bestiame.7 L'uso frequente di antibiotici crea batteri resistenti che potrebbero portare allo scoppio di un superbatterio o ad altre crisi di salute pubblica.8
  • Gli allevamenti intensivi creano fumi nocivi che inquinano l'aria e degradano la qualità della vita dei residenti rurali, in particolare afroamericani, ispanici e indiani d'America.9

Contro il grano

Oltre a questi problemi più eclatanti, ce ne sono altri ancora con l'allevamento intensivo. Uno è che il sistema zootecnico industriale è fortemente dipendente dal grano. Il pascolo non esiste negli allevamenti intensivi.

Soprattutto per i ruminanti, come le mucche, questo è un problema. I sistemi digestivi delle mucche non sono costruiti per il grano, sono costruiti per l'erba. Anche i maiali sono per natura raccoglitori la cui genetica e istinto sono quelli di pascolare nei pascoli, non nella farina di soia.

L'alimentazione continua di cereali porta a problemi di salute che richiedono più antibiotici, portando a maggiori rischi di resistenza agli antibiotici.

scrofa pascola al pascolo con suinetti
I maiali sono raccoglitori per natura e, come le mucche, i loro sistemi prosperano con una dieta variata di erbe, legumi e verdure, non cereali.

Anche gli animali nutriti con cereali emettono più metano. Tra il 1990 e il 2005, le emissioni di metano degli Stati Uniti dal letame di vacca da latte sono aumentate del 50%. L'EPA ha fatto risalire l'aumento in parte a un maggior numero di allevamenti intensivi.10 Gli animali allevati al pascolo, d'altra parte, producono letame con circa la metà del potenziale per generare metano.11

Anche la coltivazione di cereali per gli animali da foraggio è un ceppo ambientale. Il mais e la soia, le colture più comuni coltivate per l'alimentazione, richiedono letteralmente tonnellate di fertilizzanti azotati artificiali ed erbicidi prodotti bruciando milioni di tonnellate di C02.12. Il risultato è un clima sempre più instabile, un sistema alimentare saturo di tossine simili glifosatoe aria e acqua inquinate.

Anche gli allevamenti intensivi e i campi di mais e soia portano alla deforestazione. Gli animali al pascolo, tuttavia, possono utilizzare terreni marginali altrimenti incapaci di coltivare cibo.

Una gestione responsabile del bestiame può riportare in vita quelle terre marginali.

La differenza organica

È chiaro: l'agricoltura industriale non funziona. La buona notizia è che biologico vieta ciò che consente l'agricoltura industriale.

pollaio mobile
Gli agricoltori biologici enfatizzano il pascolo e la salute del suolo, il che migliora anche il benessere degli animali.

Per essere certificati biologici, gli allevatori devono seguire queste regole:

  • Nessun antibiotico o ormone della crescita artificiale
  • Gli animali devono essere gestiti in modo da preservare le risorse naturali e la biodiversità
  • Tutti i mangimi devono essere biologici al 100% e questo significa che non ci sono glifosato o fertilizzanti inquinanti
  • Gli animali devono avere accesso all'aria aperta tutto l'anno

Molti agricoltori biologici sottolineano anche la salute e l'utilizzo del pascolo pascolo rotazionale, una pratica che potrebbe avere un enorme impatto su il riscaldamento globale.

Il potere del pascolo

L'erba è una cosa potente.

L'erba viene da suolo. Il suolo è il fondamento di tutto il nostro mondo, ma lo stiamo perdendo velocemente. Se continuiamo a perdere suolo ai ritmi attuali, ci restano meno di 60 anni prima che il suolo globale si esaurisca.13  Abbiamo bisogno del suolo e ha bisogno di noi.

giovane ragazza con una muccaIl pascolo intelligente può aiutare il suolo a riprendersi.

Lasciati soli su un pezzo di terra, animali come bovini e maiali distruggono rapidamente tutti i segni di vita, compattando il terreno mentre vanno. Il risultato è la desertificazione e quasi i tre quarti delle zone aride del Nord America sono stati colpiti dai fenomeni.14

Altre volte gli animali mangeranno solo le piante più gustose e lasceranno intatte le altre piante. Le piante non consumate poi fioriscono, dominando il paesaggio. Il risultato è la diffusione di specie invasive e pascoli inutilizzabili.

Tuttavia, se gli animali sono gestiti con il pascolo rotazionale, l'ambiente vede grandi ritorni.

Come Funziona?

Il pascolo incoraggia le piante a inviare radici sempre più profonde. Quelle radici vengono continuamente rimosse per decomporsi nel terreno, aumentando la biomassa e la fertilità del suolo e sequestrare il carbonio dall'atmosfera. Con l'aumentare della materia di carbonio del suolo, aumenta anche la capacità del terreno di trattenere l'acqua, prevenendo l'erosione e deflusso agricolo.

Uno studio recente ha dimostrato che convertire i terreni coltivati ​​in pascoli perenni gestiti in modo rigenerativo "[ha] l'effetto collaterale di immagazzinare più carbonio nel suolo di quanto emettono le mucche [della fattoria] durante la loro vita".15

Prendi questo: Se applicassimo il pascolo strategico solo al 25% delle nostre terre coltivate e praterie, potremmo mitigare l'intera impronta di carbonio dell'agricoltura nordamericana.16

felicemente al pascolo in un campo lussureggiante
Il pascolo gestito in modo responsabile può avere grandi ritorni per la salute degli animali e dell'ambiente

E non dobbiamo usare i pascoli migliori per vedere questi effetti. A differenza delle colture assetate di energia che richiedono terreno fertile e acqua in abbondanza, gli animali possono pascolare su terreni scadenti altrimenti inutilizzabili per la coltivazione di cibo.

Quindi, quale sceglieresti? Manzo, maiale, pollo o latticini da una mangiatoia; o cibo gestito con cura per gli animali, il suolo, l'aria e l'acqua? Se quest'ultimo, scegliere prodotti biologici e nutriti con erba quando e dove possibile.

Un'alternativa artificiale

C'è un'altra opzione. Carne coltivata in laboratorio è una cosa, ed è quasi pronto per il supermercato.

Le carni coltivate in cellule non provengono direttamente da animali ma sono prodotte da tessuti animali. Imitano la consistenza e il sapore della vera carne. Alcuni ambientalisti e animalisti pensano che questi nuovi prodotti siano la risposta, ma altri non sono d'accordo. Alcune carni "false" si basano ancora su OGM e biotecnologie, e alcune sono state trovate contengono tracce di glifosato.

Mangeresti carne coltivata dagli scienziati? Entra nei commenti e dicci cosa ne pensi.

Come agire

Carne di laboratorio o no, se sei pronto a dire no agli allevamenti intensivi e passare a carne di manzo, pollame e maiale rigenerativi, ecco come farlo:

  1. Cerca nuove etichette in arrivo sul mercato. Certificazione Biologica Rigenerativa, Progetto organico realee Savory Institute's Terra al mercato sono tutte buone etichette che indicano che gli animali sono stati allevati in modo umano e nel rispetto della terra.
  2. Acquista le tue proteine ​​animali direttamente da un allevatore locale. Puoi visitare la fattoria, vedere come vengono trattati gli animali e chiedere all'allevatore come si prendono cura del loro terreno. Trova una fattoria nel mercato degli agricoltori locali o cerca nella directory all'indirizzo AcquistaFreshBuyLocal.org.
  3. Mangia vegetariano quando mangi fuori a meno che il ristorante non abbia specificato che provengono da aziende agricole biologiche e rigenerative. La maggior parte della carne disponibile è allevata in fabbrica, quindi ci sono buone probabilità che la carne nel menu sia la stessa.
  4. Fai un regalo a Rodale Institute. Le nostre ricerca sulla carne di maiale al pascolo sta aiutando l'industria a migliorare le sue pratiche e tutto il nostro lavoro è incentrato sul miglioramento della ricerca biologica in modo da poter trovare soluzioni più intelligenti per la salute umana e ambientale. Vuoi vedere un mondo con meno allevamenti intensivi e animali, terreni e persone più sani? Diventa un sostenitore oggi.
Per ulteriori aggiornamenti su Rodale Institute ricerca e programmazione, seguici su Facebook, Instagrame Twitter.

9 pensieri su "La carne sta rovinando il pianeta?"

  1. È un errore scegliere solo gli "allevamenti intensivi". I CAFO concentrano il bestiame, ma molte delle pratiche impiegate nei CAFO sono e sono state impiegate da allevamenti non CAFO. La concentrazione di letame presenta i suoi rischi, ma lo spargimento del bestiame su un'area più ampia non riduce la quantità di letame prodotta. Il flusso eccessivo dei pozzi di letame nella Carolina del Nord è il risultato di una cattiva progettazione dei pozzi di letame. Il mio punto principale è che la raccolta sugli "allevamenti intensivi" manca esclusivamente il punto centrale: che certe pratiche dovrebbero essere e possono essere modificate, indipendentemente dal fatto che siano praticate da "aziende agricole" o piccole aziende "a conduzione familiare".

  2. Hai ragione sul fatto che alcune pratiche dovrebbero essere modificate, indipendentemente dal fatto che queste pratiche siano impiegate da "fattorie industriali" o piccole "fattorie familiari". Questo articolo si concentra su letame, metano, suolo, deflusso agricolo e tossine. Ma più questioni sono in gioco per quanto riguarda gli impatti ambientali complessivi e il valore nutritivo degli alimenti prodotti.

    A causa della logistica e degli aspetti pratici, la fauna selvatica subisce meno danni dalle piccole fattorie familiari rispetto agli allevamenti intensivi e le piccole fattorie biologiche probabilmente hanno l'impatto meno negativo sulla fauna selvatica. Perché? Le operazioni sul campo per le grandi aziende agricole comportano grandi attrezzature che operano a velocità più elevate. La fauna selvatica spesso non riesce a spostarsi abbastanza velocemente quando questa grande attrezzatura è al lavoro. L'uso di grandi attrezzature porta a maggiori tassi di uccisione di topi, arvicole, conigli, cerbiatti, tacchini, gatti selvatici, uccelli canori e altri animali misurati su base per acro rispetto all'uso di attrezzature più piccole. Le aziende agricole (industriali) più grandi spesso rimuovono le recinzioni e delimitano alcuni terreni per consentire dimensioni dei campi più grandi. Ciò consente alle grandi apparecchiature di operare in modo più efficiente ma rimuove molte sacche di habitat della fauna selvatica nel processo. E in primo luogo i campi di monocoltura molto grandi NON sono generalmente attraenti per la fauna selvatica. Le fattorie più piccole, in particolare quelle a gestione biologica, sono molto più attraenti per la fauna selvatica e anche meno pericolose per loro. Presumibilmente negli ultimi 40 anni, più della metà di tutta la fauna selvatica nel mondo è scomparsa. I bambini-poster di questo problema potrebbero essere leoni, rinoceronti, elefanti e balene. Ma potremmo guardare uccelli canori, api e altri insetti, conigli, scoiattoli e altri animali selvatici nei nostri luoghi per osservare che questa tendenza è reale e pervasiva in tutto il mondo.

    I prodotti alimentari per animali al pascolo sono di gran lunga superiori ai prodotti alimentari per animali da confinamento. Oltre ai gusti molto migliori, i prodotti alimentari animali al pascolo hanno densità e profili nutritivi di gran lunga migliori rispetto a quelli prodotti dalle operazioni di confinamento. Abbiamo un mondo sviluppato con tassi estremamente elevati di malattie cardiache e cancro rispetto ai valori storici. Le scelte delle categorie di alimenti e le qualità di quegli alimenti che compongono le diete dei paesi sviluppati giocano un ruolo dominante nei risultati di salute e nella prevalenza delle malattie. In America ora vediamo il 17% o il 18% del nostro PIL destinato all'assistenza sanitaria! Veramente?! E questa categoria di spesa continua a salire, rapidamente! Nel secolo scorso abbiamo ridotto i produttori di fattorie e ranch da diverse decine di percento a circa l'1% della popolazione americana. In America abbiamo gli alimenti più economici del mondo misurati in% del reddito. E abbiamo di gran lunga l'assistenza sanitaria più costosa del mondo. Cosa c'è di sbagliato in questo quadro? (O cosa c'è di giusto in quell'immagine?!?) La prevenzione non è MOLTO più conveniente della cura? Al giorno d'oggi, la VERA "agricoltura" in America è la mungitura del popolo americano da parte di Big Pharma, degli ospedali e dell'industria assicurativa sanitaria. I CAFO contribuiscono effettivamente a quella "mungitura sanitaria".

    I metodi di produzione degli animali al pascolo richiedono molto meno carburante da produrre. Mentre questi animali sono su pascoli ben gestiti, si nutrono da soli, spargendo il proprio letame e urina e non usano lettiera. Se sono al pascolo per l'80% del tempo, potresti vedere una riduzione del consumo di carburante dal 50% al 75%.
    E questo si traduce anche in grandi riduzioni delle spese per le attrezzature. La terra e le piante sui pascoli beneficiano di questa distribuzione naturale del letame e la perdita di nutrienti per evaporazione e deflusso da qualsiasi impianto di stoccaggio è assolutamente ridotta al minimo. Anche la biologia del suolo è notevolmente migliorata grazie ai batteri e ai funghi naturali contenuti nel letame del bestiame.

    La sezione "Come agire" in questo articolo è un buon consiglio. Come consumatori, cambiamo collettivamente il panorama. Usa le tue voci, usa i tuoi piedi, usa il tuo portafoglio per influenzare il modo in cui il gioco viene giocato. Puoi influenzare gli altri a fare buone scelte alimentari che costruiscono la comunità e proteggono le risorse. Come piccolo agricoltore biologico indipendente, posso dirti che posti come Rodale Institute fare un ottimo lavoro per (1) ricercare metodi pratici di agricoltura biologica, (2) produrre ottimi cibi, (3) condividere questi metodi di coltivazione con altri agricoltori e (4) aiutare a educare il pubblico in generale con le loro conoscenze. Rodale Institute ha uno staff di persone molto competenti e competenti che renderebbero orgogliosa QUALSIASI azienda.

  3. La produzione di carne comporta sofferenza e morte degli animali. Dal momento che possiamo ottenere tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno per prosperare da fonti vegetali, danneggiare inutilmente gli animali per il cibo (o qualsiasi altra cosa) è un abuso sugli animali. Peccato per Rodale per averlo promosso.

  4. Come può Rodale NON fare un'affermazione più forte di "C'è un'altra opzione. Carne coltivata in laboratorio ... prodotta con tessuti animali. " COS'ALTRO è necessario per "produrre" carne coltivata in laboratorio? Offrire una simile “alternativa” anche solo come domanda, senza la VERITÀ dei lati negativi ti mette nel campo della “brava gente che non fa niente”. Ritiro TUTTO il mio sostegno da Rodale, con effetto immediato. VERGOGNATEVI.

  5. Apprezzo questo articolo (anche se ho profonde riserve sulla carne coltivata in laboratorio) e mi associo a gran parte dei commenti di Steve Deibele. In aggiunta a quanto scritto qui sulla decomposizione delle radici che costruisce il suolo, penso che la recente ricerca sul suolo (da parte di persone come Christine Jones, Richard Teague ecc.) Debba essere riconosciuta. Mostrano che le erbe perenni costruiscono il suolo per mezzo degli essudati delle radici - le loro radici secernono zuccheri liquidi (carbonio) nel terreno, scambiandolo con funghi per minerali ecc. Ciò aumenta il sequestro del carbonio, costruendo la profondità del suolo che aiuta a mitigare gli effetti dell'eccesso precipitazioni e siccità.

  6. Ripensandoci, penso che dovremmo chiederci perché dovremmo prendere in considerazione anche la carne coltivata in laboratorio quando discutiamo di agricoltura rigenerativa.

    Se, come osserva questo articolo, il pascolo gestito correttamente è:
    - buono per l'ambiente sequestrando il carbonio
    - non ha bisogno di utilizzare terreni agricoli di prima qualità adatti alle colture, ma può utilizzare terreni marginali
    - produce cibo nutriente sotto forma di carne

    perché abbiamo bisogno di alternative?

  7. Perché la cattiva qualità dell'aria e la diminuzione della qualità della vita sono più importanti per afroamericani, ispanici e nativi americani? Sembra razzista! Anche ai caucasici piace vivere in modo pulito!

    1. Ciao! Sicuramente non stiamo cercando di dire che le condizioni ambientali sono più importanti per alcune persone rispetto ad altre. Riteniamo che sia molto importante riconoscere, tuttavia, che problemi come l'inquinamento atmosferico influenzano in modo sproporzionato le comunità di colore. Saremo lieti di indicarti la direzione della ricerca che lo illustra.

Lascia un Commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.