Titoli recenti hanno affermato che l'agricoltura biologica è peggiore per il clima rispetto all'agricoltura convenzionale. Questa affermazione si basa su uno studio scientifico recentemente pubblicato sulla rivista Natura, intitolato "Valutazione dell'efficienza dei cambiamenti nell'uso del suolo per mitigare il cambiamento climatico"(Timothy D. Searchinger, Stefan Wirsenius, Tim Beringer e Patrice Dumas).

Lo studio ha introdotto un nuovo metodo per il calcolo delle emissioni di gas serra dalla produzione agricola che include il costo opportunità del terreno convertito da habitat naturale a terreno agricolo.

Lodiamo gli autori dello studio per aver lavorato per portare un maggiore livello di precisione nella misurazione delle emissioni di gas serra da attività antropiche. La scienza nel documento è solida e lo studio aveva lo scopo di presentare un nuovo modello utilizzando i dati esistenti e non intendeva demonizzare l'agricoltura biologica. Tuttavia, dalle sue scoperte non possiamo trarre la conclusione che il biologico sia peggio per l'ambiente.

Problemi chiave

Lo studio confronta i sistemi di produzione biologici e convenzionali che coltivano due colture (grano invernale e piselli) in Svezia. Il confronto è derivato dai dati sulla resa e sugli input riportati dal Consiglio svedese dell'agricoltura dal 2013 al 2015. È impossibile e irresponsabile estrapolare un fenomeno globale basato su due colture coltivate in un unico paese in soli tre anni.

Lo studio presenta un grafico che mostra maggiore sequestro del carbonio vantaggi in convenzionale contro organico sistemi. Tuttavia, l'elevato grado di variazione dei dati utilizzati (come indicato da grandi barre di errore sul grafico) suggerisce che le differenze tra i sistemi organici e convenzionali potrebbero non essere statisticamente significative. Occorre includere e analizzare più dati prima di trarre conclusioni. Anche la durata dello studio è troppo breve per misurare gli effetti a lungo termine.

Fonte: Valutazione dell'efficienza dei cambiamenti nell'uso del suolo per mitigare il cambiamento climatico. Timothy D. Searchinger, Stefan Wirsenius, Tim Beringer e Patrice Dumas.

Guardando a lungo

È importante sottolineare che il pezzo di Searchinger e altri ignora i processi biologici sotterranei e le interazioni tra piante e microbi che sono i veri mattoni di sequestro del carbonio.

Lo studio non tiene conto del fatto che i sistemi organici promuovono la diversità biologica del suolo, il che si traduce in maggiori depositi di carbonio e azoto nel suolo.

A lungo termine, più carbonio viene immagazzinato nel suolo nei sistemi organici e la necessità di input esterni è ridotta. I confronti a breve termine come quello dello studio Searchinger et al non tengono conto del vantaggio a lungo termine della produzione agricola biologica. 

Scaricare "Agricoltura biologica rigenerativa e cambiamento climatico, "Un white paper, qui.

Lezioni tratte dalla sperimentazione sui sistemi di allevamento

Sequestro del carbonio

Il posto migliore per immagazzinare il carbonio a lungo termine è nel suolo. 38 anni di ricerca presso il Rodale Institute Prova dei sistemi di allevamento lo ha dimostrato i sistemi di agricoltura biologica immagazzinano più carbonio nel suolo e più in profondità rispetto ai sistemi di agricoltura convenzionale.

rodale fst grafo del suolo
Dati sulla materia organica del suolo raccolti dal Farming Systems Trial che confrontano un sistema convenzionale, un sistema organico a base di letame e un sistema organico a base di legumi.

emissioni

Lo studio di Searchinger et al lo riconosce-quando si considerano gli input- I metodi convenzionali ad alta intensità di fertilizzanti generano più emissioni di serra rispetto al biologico, che non utilizza fertilizzanti sintetici.

La loro scoperta che il biologico crea Vedi Di più le emissioni derivano da un'interpretazione secondo la quale rendimenti inferiori dal biologico richiederebbero più disboscamento e che la deforestazione avrebbe un impatto ambientale più devastante rispetto all'uso di fertilizzanti.

Il difetto qui (prima di affrontare la questione dei raccolti) sta nell'analizzare solo una dimensione dell'impatto e nell'assumere che abbiamo bisogno di rendimenti sempre crescenti delle stesse colture che coltiviamo ora per nutrire il mondo.

Le emissioni di gas serra sono solo un "servizio ecosistemico" e non possiamo ridurre la salute umana e ambientale a una sola misura.

Le pratiche agricole convenzionali contribuiscono anche ad avvelenamenti acuti e rischi per la salute dovuti ai pesticidi; acque sotterranee e superficiali contaminazione dell'acqua; perdita di biodiversità compresi gli impollinatori, la pesca e la fauna selvatica; e le spese del governo per la pulizia. Possono degradarsi salute del suolo e creare indiretti ambientali e assistenza sanitaria costi difficili da quantificare.

Per quanto riguarda i rendimenti, è stata dimostrata l'attuale produzione alimentare nutrizionalmente inadeguato. Piuttosto che concentrarci esclusivamente sui raccolti, dovremo rivolgere la nostra attenzione agli alimenti ricchi di nutrienti per nutrire una popolazione globale in crescita.

i rendimenti

Lo ha dimostrato anche il Farming Systems Trial nessuna differenza statisticamente significativa nelle rese tra i sistemi organici e convenzionali. In generale, durante gli anni di precipitazioni adeguate, non vi è alcuna differenza statisticamente significativa nelle rese tra i sistemi biologici e convenzionali. Tuttavia, in anni di condizioni meteorologiche estreme come siccità o inondazioni, e anche anni con condizioni meteorologiche meno estreme come scarse precipitazioni, il i sistemi organici superano i convenzionali fino al 40%.

grafico no-till del mais
I raccolti del 2016 dal Farming Systems Trial. Il sistema di concime organico non solo ha superato quello convenzionale, ma ha stabilito un record per la nostra contea.

Prendiamo il grano, una delle colture analizzate nello studio di Searchinger et al. Dal 2004 al 2013, ci sono stati otto anni in cui abbiamo coltivato grano sia in sistemi biologici che convenzionali alla FST. In quel periodo non c'era differenza di resa tra il sistema organico (a base di letame) e il sistema convenzionale, e nel 2010 il sistema con lavorazione biologica ha superato in misura significativa il sistema convenzionale senza lavorazione. Entrambi i sistemi hanno superato il nostro sistema biologico a base di legumi.

I nostri dati che mostrano la competitività delle rese biologiche sono stati raccolti nel corso di decenni. I dati raccolti in sole due o tre stagioni sono inadeguati per valutare veramente e fare affermazioni diffuse sulle differenze nei sistemi di coltivazione. 

Dove andiamo da qui

Lo studio di Searchinger et al ha utilizzato un set di dati limitato ma un buon calcolatore. Contribuiamo con più dati. Se altri agricoltori e ricercatori inseriscono i loro dati-da diverse parti del mondo, coltivando colture diverse e per periodi di tempo più lunghi-potremmo essere in grado di verificare il vero impatto della produzione biologica. 

Il Dr. Andrew Smith è Chief Scientist presso Rodale Institute.

13 pensieri su "L'agricoltura biologica è davvero peggiore per il clima? Una risposta"

  1. Devo ammettere che mi sono confuso dopo aver letto solo i primi quattro paragrafi dell'articolo. Forse qualcuno sarà disposto a spiegarmelo. Nel terzo paragrafo, subito prima delle QUESTIONI CHIAVE, si dice: “Lodiamo gli autori dello studio per aver lavorato per portare un maggiore livello di precisione nella misurazione delle emissioni di gas serra da attività antropiche. La scienza nel documento è valida, ... "Quindi in QUESTIONI CHIAVE si dice:" È impossibile e irresponsabile estrapolare un fenomeno globale basato su due colture coltivate in un unico paese in soli tre anni ". e "Tuttavia, l'elevato grado di variazione dei dati utilizzati (come indicato da grandi barre di errore sul grafico) suggerisce che le differenze tra i sistemi organici e convenzionali potrebbero non essere statisticamente significative." Quindi, se queste due cose sono vere, allora come può la scienza nel documento essere "valida"? C'è un significato diverso per "suono" di cui non sono a conoscenza. Qualcuno potrebbe spiegarlo a un non scienziato.

  2. Ciao Linda,
    È certamente una questione complessa e confusa. La carta stessa è valida e il confronto tra organico e convenzionale era solo un pezzo di esso. Il problema stava nel modo in cui il documento veniva interpretato e pubblicizzato (come una dichiarazione definitiva sull'impatto del biologico). Ecco una risposta al tuo commento dal dottor Smith:

    “Gli autori dello studio hanno creato un metodo valido per determinare il sequestro del carbonio. Hanno usato i dati esistenti per testarlo. Ma il documento era molto più che un confronto tra organico e convenzionale. Ha esaminato diverse diete - vegana, vegetariana, pescataria, standard di base - e ha esaminato diverse pratiche di pascolo in Brasile rispetto alla coltivazione della soia in Brasile. Ci sono voluti una piccola quantità di dati dalla Svezia su grano e piselli biologici e convenzionali, ma tutti questi dati in realtà sono solo un'istantanea del quadro più ampio. Il pezzo organico rispetto a quello convenzionale nel documento non è stato nemmeno evidenziato ".

    1. Linda, Troppo spesso i morsi del suono sono "l'unica" cosa a cui le persone rispondono. Ti lodo per aver risposto a questo articolo.

  3. Quello che segue è "cibo per la mente"; per ottenere un pensiero migliore abbiamo bisogno di una migliore nutrizione per nutrire il nostro cervello; per ottenere cibo migliore per il nostro cervello abbiamo bisogno di cibi "migliori" e più ricchi di nutrienti da mangiare; per ottenere alimenti più ricchi di sostanze nutritive dobbiamo coltivarli utilizzando tecniche agricole rigenerative.

    Dobbiamo sviluppare nuovi standard per misurare le rese. Le rese in volume non significano nulla se non è disponibile un'alimentazione adeguata (il motivo principale per il consumo di cibo). Lo standard per misurare la resa del mais è di 56 libbre. per volume di staio. Alcuni mais possono pesare molto meno per staio, altri possono pesare molto di più; il più denso mai misurato era di circa 64 libbre. / staio. Questo è stato coltivato con metodi rigenerativi / biologici ed equivaleva a circa 400 bushel per acro.
    Supponendo che le densità più elevate siano dovute all'aumento del contenuto di minerali e ai migliori composti metabolici secondari, e che questi siano migliori per noi nutrizionalmente, invece che solo amido e zuccheri; quale preferiresti mangiare o dare da mangiare agli animali? Quale sarà più conveniente coltivare, raccogliere, conservare, acquistare, nutrire, mangiare?
    Abbiamo bisogno di uno standard che misuri non solo il peso per staio ma anche i nutrienti per staio. Indagare sulla Bionutrient Food Association a per vedere come viene sviluppata una nuova definizione e standard per la misurazione dei nutrienti alimentari.
    Se riusciamo a produrre cibo che è molto più ricco di nutrienti di quanto abbiamo in effetti aumentato la quantità di terreno agricolo disponibile attualmente coltivato, potenzialmente dal 25 al 50%, senza mai dover distruggere le aree dell'ecosistema selvatico / naturale rimanenti per coltivare cibo vero! !

  4. Personalmente, non ho rispetto per gran parte della nostra scienza "moderna". Non affronta mai veramente il complicato processo coinvolto in qualcosa. Ci sono molti fattori coinvolti in questo, e personalmente non mi preoccupo della CO2, ma più dell'inquinamento, della vitalità del suolo e dell'erosione. Tuttavia, i campi monocolturali non sono realmente sostenibili e incoraggiano rese inferiori e l'erosione e l'esaurimento del suolo. La permacultura, semplicemente in virtù del non spreco di spazio, avrebbe rese maggiori e minore erosione. Ma non è adatto per aziende agricole su larga scala. Anche al di là del danno derivante dall'estrazione e dall'utilizzo dei materiali utilizzati per l'agricoltura chimica; non fornisce alcun vantaggio reale se non quello di facilitare i metodi di coltivazione industriale di grandi dimensioni che possono produrre solo di più alla rinfusa (ma non in qualità) rispetto alla stessa area curata da un gruppo di piccoli agricoltori. Solo l'opinione di un vecchio ragazzo di campagna che non crede nemmeno che la scienza del riscaldamento globale sia valida poiché uno dei suoi parametri principali è ignorare qualsiasi cosa al di fuori delle cause artificiali. Penso che l'oceano abbia eruttato più CO2 (da un evento circa 700 anni prima) in un singolo episodio di quanto ne abbiamo mai prodotto, e quella grande palla di fuoco nel cielo che sta entrando in un grande minimo solare (Ice Age: More than just un bel cartone animato) potrebbe anche avere un po 'di input in tutto questo. Ma Madre Natura non ha voce in capitolo nell'isterica che è il cambiamento climatico. L'ultimo grande schema Ponzi in cui la scienza è saldamente radicata nella politica. Come di solito.

    1. I negazionisti hanno avuto la possibilità di sostenere la loro causa. Hanno perso. Per favore, togliti di mezzo. I tuoi commenti non contribuiscono in alcun modo alla discussione.

    2. Quindi ti piacciono le scienze ma non la scienza del clima? La scienza potrebbe non sapere ancora tutto, ma il cambiamento climatico è stato stabilito e accettato. Inoltre, ho visto altri sostenitori e negazionisti del cambiamento climatico sentirsi un po 'troppo a proprio agio con l'avvicinarsi del minimo solare. Ci furono siccità globali (ruggine irlandese della patata / carestia suona un campanello?) Durante la piccola era glaciale che erano, per lo meno, in parte attribuibili al minimo solare. Una radiazione solare indebolita significa meno pioggia. La radiazione solare provoca l'evaporazione che crea nuvole e così via. Solo perché le temperature sono più calde a causa delle elevate concentrazioni di gas serra, questo non ci gioverà quando si tratta di precipitazioni. In effetti, la CO2 è meno solubile in acqua a temperature più calde. Diavolo, l'aumento delle emissioni e delle temperature potrebbe addirittura respingere i sistemi di pioggia, creando più caos e squilibrio.
      Quindi il minimo solare non cancellerà la minaccia del riscaldamento globale. Si tratta di una pericolosa semplificazione eccessiva che presuppone che le temperature elevate siano il principale rischio del cambiamento climatico. Le precipitazioni irregolari dovute a inondazioni o siccità (che includono un aumento del rischio di incendi) sono ed sono state la più grande minaccia per le società umane dai tempi dell'Impero Maya. Semmai, l'avvicinarsi del minimo solare potrebbe peggiorare i nostri problemi.

  5. Grazie Dan per i tuoi commenti. Non potrei essere più d'accordo. Questa è un'importante area di ricerca per Rodale Institute in questo momento, specialmente con la nostra prova dei sistemi vegetali, per coltivare alimenti più densi di nutrienti e risolvere i problemi di insicurezza alimentare. Crediamo che il cibo sia una medicina e il modo in cui coltivi gli alimenti influisce sulla qualità nutrizionale del cibo e quindi sulla salute umana. Il nostro obiettivo è mettere una solida scienza dietro questa affermazione.

  6. A più di 5,000 piedi di altitudine nell'Idaho centro-meridionale, siamo fortunati ad avere 4.5 tonnellate di erba medica organica ad alto contenuto proteico per acro all'anno. Uno dei nostri vicini, utilizzando una seminatrice e altre pratiche di non lavorazione, ha visto un rendimento verificato di oltre 6 tonnellate (biomassa secca) per acro da una coltura di copertura di 15 specie su terreno non biologico. Ciò è coerente con un altro esperimento simile nell'Idaho sudoccidentale (6.25 tonnellate di biomassa secca da una coltura di copertura multi-specie per acro) e con i risultati che Gabe Brown ha dimostrato con tutti i tipi di colture di copertura con miscele di semi multi-specie. Nel caso di Gabe, ha tracciato la materia organica del suolo da meno del 2% a più dell'8%, principalmente lasciando, come ricordo, almeno un terzo e forse addirittura il 50% del materiale organico fuori superficie prodotto ogni anno per decomposizione e incorporazione nel suolo. Per coltivare cibo, hai bisogno di acqua e le statistiche verificate sulla capacità di ritenzione idrica del miglior terreno di Gabe sono fenomenali. Poiché il suolo morto e coltivato in modo convenzionale del suo vicino si esaurisce ed erode, il suolo di Gabe rappresenta un vasto serbatoio d'acqua e una difesa contro il deflusso, le inondazioni e il trasporto del suolo. Inoltre, possiamo nutrire il bestiame durante l'inverno con la biomassa non raccolta, inclusi ravanelli, barbabietole per l'energia, vari legumi ad alto contenuto proteico, ecc., Rendendo inutile l'andana, il rastrello, la balla, l'impilaggio, quindi disimpilare e caricare (su un rimorchio a pianale) trainato da un trattore) per nutrirsi. Pensaci. Molto meno input petrolchimico, molto meno costo delle apparecchiature capitalizzato, molto meno costo del lavoro. Metti il ​​bestiame in una fetta recintata elettricamente a forma di torta di un campo perno e spostati a giorni alterni.

    Può essere difficile quantificare in modo significativo gli impatti, ad esempio, del glifosato sulla salute umana, ma dovrebbe essere relativamente semplice normalizzare la densità dei nutrienti nelle colture.

    Abbiamo coltivatori qui in Idaho che ora ottengono rendimenti sbalorditivi di mais biologico per acro. Sono d'accordo con il dottor Smith, in quanto gli studi a breve termine non colgono il potenziale per la rigenerazione del suolo. Ci sono voluti molti decenni per distruggere il nostro suolo negli Stati Uniti. Non dovrebbe essere una sorpresa che ci vorrà del tempo per ripristinarli.

  7. Lo studio ha tenuto conto delle emissioni di CO2 degli impianti chimici che producono i pesticidi e gli erbicidi che vengono applicati ai campi in un sistema di coltivazione convenzionale o no-till?

  8. Credo che questo articolo esponga i motivi più importanti, convincenti e urgenti per passare rapidamente alle pratiche di agricoltura biologica. Inizia inaspettatamente a bocca aperta, quindi descrive l'urgente necessità di migliorare il contenuto nutrizionale fornito dal cibo coltivato biologicamente.

Lascia un Commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.