Un paio di coltivatori principianti nella parte occidentale di Washington cantano le lodi dei prodotti organici mentre coltivano la loro coltivazione.

L'agricoltura biologica è profonda per Jessica Gigot e Dean Luce, non in modo ancestrale ma nel loro impegno per un luogo, per uno stile di vita, per produrre cibo sano per le persone, gli animali e l'ambiente. A Harmony Fields, la loro fattoria di 10 acri nella parte occidentale di Washington, la coppia alleva pecore e due figlie mentre sviluppano mercati per i loro formaggi, carne ed erbe medicinali e culinarie biologiche certificate. Gli agricoltori di prima generazione erano novizi determinati e pieni di risorse quando hanno avviato Harmony Fields nel 2011. Da allora hanno imparato a conoscere le sfide che i produttori biologici devono affrontare e ad evolvere i loro piani da allora.

Le strade biforcute che conducono attraverso Bow, Washington, ad Harmony Fields passano in rassegna meleti, macchie di bacche e pascoli collinari. La bellezza lirica della Skagit Valley è ciò che ha spinto Gigot a trasferirsi lì circa 15 anni fa. È cresciuta nella periferia di Washington, dove suo padre lavorava nella pubblicità e sua madre si occupava della casa. Gigot si è trasferita nel Vermont per studiare biologia e antropologia al college, quindi è tornata nel Pacifico nord-occidentale, dove ha lavorato come stagista in un paio di fattorie. La sua ricerca di un master in patologia vegetale l'ha portata nella Skagit Valley nel 2004 e ha continuato a conseguire il dottorato in orticoltura. Attraverso la sua ricerca agricola presso la Washington State University Mount Vernon Northwestern Washington Research & Extension Center, ha conosciuto gli agricoltori locali e si è sentita ispirata a unirsi ai loro ranghi.

Gigot iniziò a coltivare alcuni raccolti su un piccolo "francobollo" di terra a Ralph's Greenhouse, una fattoria biologica su larga scala a Mount Vernon. Nel 2011, dopo aver conseguito la laurea, ha acquistato la proprietà di 5 acri a Bow che sarebbe diventata la sua fattoria e quella di Luce. Ospitava una fattoria degli anni '1930 fiancheggiata da alberi di mele da frutto.

Originario di Bainbridge Island, Luce ha frequentato l'Art Institute of Seattle per la progettazione grafica, ha lavorato per un po 'nei ristoranti e poi ha iniziato a fare costruzioni. Luce e Gigot, che ora hanno due figlie (di 4 e 2 anni), si sono incontrati in un bar durante una serie di cantautori e hanno iniziato a suonare insieme. Oggi è impegnato a prendersi cura dei propri figli e gestire progetti dentro e fuori la fattoria, e lei gestisce molte operazioni quotidiane della fattoria e tiene lezioni al college durante l'inverno. Dal 2018 è membro del Consiglio direttivo dell'Associazione degli agricoltori biologici.

Credito fotografico: Michèle M. Waite

Trovare la direzione

Gigot e Luce hanno ciascuno una presenza calma e nutriente che corrisponde alla serenità dell'ambiente circostante. Ma Gigot ammette di aver avuto dei ripensamenti poco dopo aver acquistato la fattoria. All'inizio, Luce non viveva ancora lì e ha iniziato a chiedersi se avesse fatto la scelta giusta per dedicarsi all'agricoltura invece che alla ricerca.

"È stato molto opprimente passare dall'essere un affittuario a possedere una casa con proprietà - non avevo nemmeno un tosaerba", dice mentre sorseggiamo un caffè al loro tavolo da pranzo in legno. "Questo posto è arrivato con un trattore e avevamo già alcuni attrezzi, ma stava letteralmente partendo da zero."

Per i primi anni nella fattoria, la coppia ha coltivato una varietà di erbe e verdure, principalmente colture di zucca e brassica, per venditori al dettaglio e all'ingrosso. Dopo aver preso una stagione per concentrarsi sulle loro due ragazze, Gigot e Luce hanno rivalutato i loro obiettivi. Gigot dice che uno dei suoi primi errori è stato cercare di coltivare troppe colture. Adesso crescono una dozzina circa biologica certificata erbe medicinali e culinarie e allevano pecore, anche se hanno anche anatre Khaki Campbell per le uova e due asini in miniatura adottati di nome Audrey e July.

Il loro attuale gregge di circa 70 pecore comprende una mandria da mungere di circa 30 che sono state allevate per qualità come personalità, produzione di latte e forma della mammella. Durante la primavera e l'estate, quando la fattoria è più attiva, Gigot divide le sue giornate tra la mungitura delle pecore, la cura dei raccolti e la produzione del formaggio. Lei e Luce hanno lanciato la panetteria con l'aiuto di una sovvenzione per produttore a valore aggiunto USDA, che è stata utilizzata per finanziare forniture, materiali e manodopera per produrre e vendere il formaggio di pecora.

Da circa un anno portano i loro formaggi: morbidi, spalmabili; stile feta; e varietà invecchiate, stile tomme, nei vicini mercati degli agricoltori. Man mano che il loro gregge di pecore si espande, Gigot prevede di aggiungere yogurt e un altro tipo di formaggio alle loro offerte di prodotti. Harmony Fields fa anche parte di una cooperativa che lavora e confeziona la sua carne secondo gli standard USDA in modo che la fattoria possa venderla direttamente a ristoranti e famiglie locali. La lana di pecora viene trasformata in filato e venduta sul sito web dell'azienda.

Nel 2016, gli agricoltori hanno trasformato un container per la spedizione in un essiccatore di erbe con l'assistenza di una sovvenzione della HumanLinks Foundation. Un'altra recente sovvenzione ha contribuito a pagare i pannelli solari nella stalla delle pecore. In totale, hanno ricevuto circa $ 80,000 in sovvenzioni che hanno reso possibile la loro visione di Harmony Fields.

Modi organici

Mentre Gigot e Luce avevano bisogno di alcune stagioni e cambiamenti nei loro piani per trovare la loro nicchia come produttori di cibo, non hanno mai esitato dalla loro dedizione all'agricoltura biologica. "Per me, biologico significa rendere una fattoria resiliente e sostenibile", afferma Gigot. "Penso anche che si tratti di modelli di fattoria che proteggono l'integrità di animali, piante e dipendenti".

In questo momento le erbe aromatiche sono gli unici prodotti biologici certificati dell'azienda agricola. Le pecore sono pascolato sui pascoli biologici, ei proprietari dell'azienda stanno lavorando per rendere biologici tutti i mangimi e i pascoli del bestiame certificati. Allevare un mix di animali e piante è importante, dice Gigot, perché completa il quadro di una fattoria a circuito chiuso.

"Quando utilizzi metodi organici, non sarai in grado di aggiungere un mucchio di fertilizzanti sintetici", dice. “Non sarai in grado di ottenere alcun tipo di seme disponibile. Devi davvero lavorare con il germoplasma e la salute del suolo che hai, motivo per cui prendo molto sul serio la coltivazione del nostro suolo. E questo è uno dei motivi per cui abbiamo animali, quindi siamo in grado di [utilizzare i loro rifiuti per costruire] fertilità ".

Gigot dice che gli agricoltori locali sono buoni amministratori della terra e ha imparato molto sull'agricoltura anche dalle operazioni convenzionali. Ma sta cercando di creare un'alternativa all'attuale sistema alimentare, che ritiene sia diventato più una questione di produzione e convenienza che di qualità e cura in ciò che mangiamo.

"Quando sono entrata al college e ho imparato a cucinare da sola, ha davvero cambiato la mia prospettiva", dice. “Avere quella conoscenza di base per sapere da dove proviene il tuo cibo, così come la conoscenza di come entrare in contatto con gli animali e prendersi cura di loro, fa crescere persone forti e compassionevoli, penso. Ho avuto un'ottima educazione, ma sento che per le nostre figlie, essere cresciuta in una fattoria può insegnare così tanto sul mondo che ho dovuto recuperare quando avevo 20 anni ".

Credito fotografico: Michèle M. Waite

Vita equilibrata

Gigot scherza dicendo che è il più grande cliché quando evochi nozioni romantiche di agricoltura: scrive poesie epicuree, fa parte di una band con Luce chiamata The Dovetails e vive in questo affascinante complotto con la sua giovane famiglia, tra cui un energico cane da pastore e un eccentrico gatto della fattoria . Ma sta attenta a non svalutare il duro lavoro che va a coltivare la terra. Ha tenuto un discorso a TEDx su questo un paio di anni fa alla Western Washington University di Bellingham, dove ha letto dal suo libro di poesie e ha parlato dell'importanza non solo di vedere la bellezza nel cibo che mangiamo, ma anche di capire il vero prezzo che ne deriva. crescendolo.

"Voglio che le persone si colleghino alla bellezza di esso, la qualità dei sapori e che tutto sia stato preparato con cura, ma non voglio che le persone pensino che ci stiamo solo svegliando e vagando qui e scegliendo un poche cose ", dice. “La routine è dura, soprattutto la routine di mungitura, motivo per cui facciamo solo mungitura stagionale. Penso che ne valga la pena, ma non voglio che la gente pensi che sia facile ".

Gigot ha visto molti contadini principianti diventare sopraffatti e scoraggiati. A volte si sente così: che il lavoro è così duro e che la fattoria sua e di Luce è così piccola che non ha un grande impatto. Ma poi le viene in mente il motivo per cui si sono impegnati per l'agricoltura biologica.

"Sembra proprio che i nostri sistemi alimentari potrebbero essere molto più compassionevoli", dice. "Anche se lo stiamo facendo su scala molto piccola, spero che sia una visione di ciò che potrebbe essere fatto su scala più ampia."

Sistemi di supporto

Il supporto pubblico e senza scopo di lucro per le nuove fattorie biologiche sta aiutando Harmony Fields a crescere e prosperare. Con $ 80,000 in sovvenzioni, Jessica Gigot e Dean Luce sono stati in grado di espandere la loro linea di prodotti, estendere la stagione di crescita, ridurre i costi energetici e accelerare l'elaborazione post-raccolta. Ecco le risorse che hanno utilizzato.

  • CREDITO: "Northwest Farm Credit Services ha un programma AgVision incentrato sui nuovi produttori con meno di 35 anni", afferma Gigot. "Questo ci ha aiutato con una linea di credito operativa iniziale".
  • STRUMENTI: La coppia ha utilizzato una sovvenzione disponibile tramite il Programma di incentivi per la qualità ambientale del Servizio di conservazione delle risorse naturali (NRCS) dell'USDA per ottenere un tunnel alto sotto il quale coltivano erbe tutto l'anno.
  • ENERGIZZANTI: Il programma REAP (Rural Energy for America) dell'USDA ha fornito una sovvenzione che ha contribuito a coprire i costi dei pannelli solari nella stalla della fattoria.
  • PRODUZIONE: Con il finanziamento della HumanLinks Foundation, un'organizzazione senza scopo di lucro con sede a Bellevue, Washington, la coppia ha convertito un container usato per la spedizione in un capannone per l'essiccazione delle erbe che ha ridotto il tempo di essiccazione da due settimane a tre o quattro giorni.
  • FORMAZIONE: "Ho seguito le lezioni Coltivare il successo presso il nostro ufficio di estensione locale tramite WSU", riferisce Gigot. "Un'organizzazione no profit locale, il Northwest Agriculture Business Center, ha offerto una classe di prodotti a valore aggiunto che è stata molto utile".

Per gli agricoltori principianti, la sfida più grande per accedere a queste risorse è "trovare il tempo per fare la ricerca e organizzare tutte le pratiche burocratiche", afferma Gigot. Ma non devi lottare per tutto questo da solo, sottolinea.

“Usa le risorse che hai intorno a te, come il tuo NRCS locale o gli educatori per l'estensione delle sovvenzioni fondiarie. Sono lì per aiutarti ", consiglia. “Inoltre, parla con altri agricoltori (anche in altre parti del paese) che hanno ricevuto finanziamenti. Questo può farti risparmiare molti passaggi. "

Agire

Come piccolo produttore, Jessica Gigot sa che è difficile per gli agricoltori biologici trovare il tempo e l'energia per affrontare le questioni di politica nazionale, "anche se riguardano tutti noi", dice. Così è entrata a far parte dell'Associazione degli agricoltori biologici e nel 2018 è stata eletta nel Consiglio direttivo dell'OFA.

"Apprezzo il modo in cui OFA è impegnato nel Programma biologico nazionale (che ha richiesto molto tempo per svilupparsi e realizzarsi) e come invece di sostenere etichette alternative, l'organizzazione sta cercando di far funzionare il NOP per [tutti i produttori biologici] e mantenere la sua integrità ", spiega. "Riunisce anche il lavoro di gruppi agricoli statali e regionali come MOFA e NOFA e ci aiuta a sentirci come una voce più forte e unificata a Washington".

Unisci le forze con Gigot e migliaia di altri agricoltori biologici certificati diventando un membro della Organic Farmers Association.

COVID-19 sta mettendo a dura prova i piccoli agricoltori in tutto il paese. Scopri di più su come puoi aiutare a sostenere i tuoi agricoltori locali

Questo articolo è stato pubblicato originariamente nel numero dell'autunno 2019 di Nuova rivista agricola, la rivista di Associazione degli agricoltori biologici. Tutti i membri OFA ricevono un numero gratuito di New Farm ogni anno. Unisciti oggi.

Per ulteriori aggiornamenti sulla nostra ricerca e programmazione, seguici su FacebookInstagramTwitter.