Organico rigenerativo l'agricoltore Acadia Tucker condivide lezioni di costruzione salute del suolo, sequestrare il carbonioe piante da provare per il giardino di casa.

Quando mi sono trasferito nel Pacifico nord-occidentale otto anni fa per avviare un mercato agricolo, è stata la mia prima esperienza nella coltivazione di cibo su larga scala. Il mio obiettivo era piantare colture biologiche e trovare abbastanza clienti per mangiarle. Ci sono voluti solo un paio d'anni per aggiungere una nuova priorità dell'azienda agricola: gestire le sfide meteorologiche estreme della zona.

Le condizioni meteorologiche del nord-ovest erano diverse da quelle che mi aspettavo quando pianificavo il mio trasferimento dalla California meridionale. La nostra posizione a nord significava che avevamo più di 15 ore di luce solare al giorno in piena estate. Ho visto il sole estivo cuocere il terreno durante i lunghi periodi di siccità. Quando finalmente ha piovuto è stato torrenziale. L'acqua si accumulava sul terreno duro e compatto, restando lì.

Il raccolto, che ho coltivato con altri due contadini, ha sofferto. Il nostro rendimento è stato molto inferiore a quello che ci aspettavamo. Ho iniziato a provare una sorta di ansia di basso livello che rendeva difficile dormire bene la notte ed essere allegro con i clienti. Nel peggiore dei casi ho considerato se avesse senso continuare a coltivare.

Il mio rituale quotidiano preferito è stato camminare per la fattoria al tramonto e sentire il terreno ricco e spugnoso cedere sotto i miei stivali.

Piuttosto che rinunciare a coltivare cibo, ho deciso di tornare a scuola in cerca di risposte. Era lì, mentre studiavo suolo e la gestione dell'acqua, che ho imparato suolo, se trattato correttamente, può aiutare le piante a tamponare gli effetti di condizioni meteorologiche estreme e il riscaldamento globale.

La prima cosa che ho fatto quando sono tornato alla fattoria è stata stendere uno spesso strato di concime ovunque, e poi aggiungi un condimento di erba tagliata e foglie secche sminuzzate, il mio pacciame. È una routine che ho seguito ogni anno da allora. Ho piantato piante perenni con radici profonde, come alberi da frutto e cespugli di bacche, per dare a batteri, funghi, vermi e altri organismi che nutrono il suolo un posto dove raccogliersi e moltiplicarsi. Sono anche cresciuto colture di copertura, come il trifoglio e la segale invernale, come pacciame vivente per ancorare il terreno e proteggerlo dal dilavamento.

Nel giro di due anni ho avuto il tipo di terreno che un contadino sogna: scuro, argilloso e abbastanza umido da ammassarsi quando ne ho afferrato una manciata. Quando pioveva l'acqua affondava in profondità nel terreno. La migliore capacità del suolo di conservare l'umidità ha reso più facile per le mie piante resistere alla siccità. Il mio rituale quotidiano preferito è stato camminare per la fattoria al tramonto e sentire il terreno ricco e spugnoso cedere sotto i miei stivali.

Ecco come puoi vincere il libro di Acadia Tucker >>

Potere dell'agricoltura rigenerativa

Negli anni da quando ho iniziato a coltivare cibo ho iniziato a riferirmi a me stesso come a rigenerativa contadino. Tutto quello che faccio in azienda è rivolto a rigenerare e ricostruire il suolo. La pratica mi ha dato piante più resistenti, anche se di certo non fa male che molte siano piante perenni robuste. Mi permette anche di essere parte di una soluzione al riscaldamento globale. La terra che sto nutrendo si comporta, sempre di più, come un gigante spugna di carbonio.

Le piante sono il modo definitivo ed economico per aspirare l'anidride carbonica in eccesso dall'aria. Quasi tutto il carbonio atmosferico passa attraverso le piante durante la fotosintesi, il processo che trasforma il carbonio, la luce solare e l'acqua in zuccheri e carboidrati. Le radici delle piante rilasciano alcuni degli zuccheri ricchi di carbonio per nutrire gli organismi nel suolo. In cambio, mettono a disposizione della pianta i nutrienti nel terreno.

Quando le piante muoiono ogni inverno, lasciano cadere foglie e rami e anche le radici muoiono. Nel tempo questi detriti si decompongono, aggiungendo ancora più sostanze nutritive e carbonio al terreno. Ci sono prove che suggeriscono che quando gli organismi viventi del suolo muoiono, finiscono per formare ancora più materia organica dei residui vegetali.

L'alleanza tra piante e organismi del suolo aiuta a bloccare il carbonio, producendo materia organica oscura chiamata humus. Aumentare il carbonio immagazzinato nel suolo aiuta a massimizzare la fotosintesi in modo che le piante possano assorbire ancora più anidride carbonica e intrappolarla sottoterra.

manciata di terra organica

Inoltre, suolo ricco di mangimi di carbonio micorrize, una vasta rete di funghi che rilascia glomalin. Il glomalin è una sostanza appiccicosa simile a una gomma che lega insieme particelle di sabbia, limo e argilla, creando una struttura del suolo che conserva l'umidità e trattiene i nutrienti. Le piante allevate in condizioni favorevoli come questa, con facile accesso all'umidità e ai nutrienti, crescono più robuste e più resistenti. Questo ciclo positivo è il modo in cui funziona la natura quando non interferiamo.

Adottando pratiche rigenerative, le fattorie potrebbero rimuovere l'anidride carbonica dall'atmosfera a una velocità di circa una tonnellata di anidride carbonica per ogni acro, secondo i dati esaminati dall'esperto di suolo Eric Toensmeier. I potenziali vantaggi sono enormi, come spiegato in a Studio del 2014 da Rodale Institute. Citando i dati dei sistemi di coltivazione e delle prove sui pascoli, conclude che potremmo sequestrare più del 100% delle emissioni annuali di CO2 nel mondo se iniziamo a coltivare cibo in questo modo.

L'agricoltura convenzionale fa l'opposto. Le pratiche agricole, come la lavorazione del terreno e l'uso eccessivo di sostanze chimiche, impoveriscono il suolo e rilasciano il carbonio immagazzinato nell'atmosfera, aumentando notevolmente le emissioni di gas serra. Nel 2011, le aziende agricole hanno emesso sei miliardi di tonnellate di gas serra. Secondo il World Resources Institute, si tratta di circa il 13% di tutte le emissioni di gas serra nel mondo.

Il suolo contiene il doppio del carbonio dell'atmosfera. La maggior parte del carbonio immagazzinato nel sottosuolo proviene dalle piante attraverso la fotosintesi. Man mano che le piante fioriscono, producono zuccheri e carboidrati ricchi di carbonio che viaggiano alle radici e intrappolano il carbonio sotto i nostri piedi. Illustratore: Krishna Chavda

Ho avviato il mio orto climatico dopo essermi trasferito dallo Stato di Washington al New Hampshire per coltivare il luppolo per i birrifici locali. Quando mi sono trasferito, ho lasciato una fattoria dove avevamo coltivato 200 diverse colture alimentari. Nel New England, desideravo così tanto avere frutta fresca, verdura ed erbe a portata di mano che ho iniziato immediatamente il mio orto.

Il fatto che allevamento di carbonio potrebbe aiutare a invertire il riscaldamento globale è sia eccitante che frustrante. Dopotutto, abbiamo a che fare con un sistema agricolo che non dà la priorità a salute, ambiente o preoccupazioni per il clima. Ma gli agricoltori non sono gli unici che possono optare per un rigenerativa approccio. Molti di noi hanno i nostri appezzamenti di terreno a cui possiamo occuparci: nei cortili, negli orti comunitari, persino nei vasi.

Se hai accesso anche a un solo frammento di terra, puoi fare subito qualcosa per combattere la minaccia ecologica più significativa che abbiamo mai affrontato. Eric Toensmeier stima che il suo piccolo giardino sul retro ricco di carbonio, circa un decimo di acro, possa compensare le emissioni di carbonio di un adulto americano all'anno. Le piante perenni sono un ottimo punto di partenza perché sono facili da curare e durano per anni, rendendo più facile l'accumulo di materia organica che cattura il carbonio nel tempo. Ecco alcuni dei miei preferiti.

Piante perenni preferite da usare

Lavanda è un membro della famiglia della menta ed è così robusto che può crescere quasi ovunque. Piantalo su pendii sabbiosi o nell'angolo dimenticato del giardino. La lavanda è anche resistente alla siccità, rendendola un'opzione particolarmente resistente per i giardinieri principianti.
Caratteristica notevole: Tolleranza alla siccità

Timo necessita di pochissima acqua o attenzione. È disponibile in oltre 200 varietà, quindi trovarne una che prospera nel tuo clima è facile. Sebbene non tutte le varietà siano abbastanza profumate per cucinare, i fiori delicati possono essere invocati per attirare impollinatori nel tuo giardino.
Caratteristica notevole: Facile da coltivare

Ribes sono arbusti resistenti che producono manciate di bacche acide nei toni del viola intenso, rosso rubino e bianco dorato. Il ribes prospera fino a 15 anni e è facile da coltivare.
Caratteristica notevole: Crescita rapida

mirtilli sono ricchi di antiossidanti e vitamine. Crescono come una copertura del terreno tentacolare o un cespuglio eretto. I cespugli a bassa crescita sono una sfida da coltivare e un dolore da raccogliere. Sono parziale per loro perché mi ricordano la mia infanzia nel Maine, ma generalmente consiglio di piantare una varietà più alta e ad alto fusto.
Caratteristica notevole: Prospera in terreni acidi

Asparagi può essere cotto al forno, bollito, grigliato o saltato e conserva ancora il suo sapore intenso. Ma la sua qualità più sorprendente può essere che mentre ci vuole tempo per affermarsi, può vivere dai 30 ai 50 anni.
Caratteristica notevole: Longevità

aglio è resistente all'inverno, richiede poca manutenzione e occupa pochissimo spazio in un giardino. Un antico ortaggio bulboso, cresce da un unico spicchio che si moltiplica nel terreno. La maggior parte delle persone lo coltiva ogni anno, ma se raccogli solo le piante grandi e lasci quelle piccole, avrai un letto d'aglio perenne che ricresce ogni anno.
Caratteristica notevole: durata lunga

Cipolle ambulanti “Cammina” attraverso il giardino grazie a minuscole lampadine chiamate topsets. Questi si formano sulla punta delle foglie, facendo piegare la pianta e cadere. Le parti superiori cadute quindi radicano e crescono in piante mature nella stagione successiva. L'intera pianta può essere mangiata, dalle radici simili allo scalogno alle cime e alle foglie cave.
Caratteristica notevoleBello e delizioso quando saltato

Ecco come puoi vincere il libro di Acadia Tucker >>

24 pensieri su "7 piante per il tuo orto biologico rigenerante"

  1. Grazie mille Sig.ra Acadia. Questo mi aiuterà nel mio giardino in salita a Balamban Cebu Filippine 🇵🇭. Sono un paesaggista e un artista di professione. Ma in generale mi piacerebbe essere di grande aiuto per la natura. Quindi questo mi va bene. Dio ti benedica

  2. Grazie per il sito web ben scritto. Sono un paesaggista in pensione in una zona rurale di San Diego con una laurea in Scienze delle piante. Molto preoccupato per il futuro dei miei figli e nipoti. 21 anni fa ho convertito 15 acri di erbe aromatiche fresche da cucina in biologico.

    Sono di nuovo interessato all'agricoltura, ma ora le popolazioni di parassiti dei roditori nella nostra zona sono fuori controllo. Conigli, scoiattoli, roditori, topi e topi di legno. I proprietari terrieri non li controllano e coyote e rapaci ora scarseggiano. Qualche idea?

    1. Ho diversi alberi di noci pecan e un albero di noce nella mia proprietà con il risultato che c'è una grande popolazione di scoiattoli e scoiattoli. Sono solo un giardiniere di cortile, ma ho avuto un grande successo nel posizionare un filo di pollo da un pollice sul terreno per impedire ai roditori di scavare le mie piante. Se necessario, posso agganciare il filo attorno alle piante per la stanza di crescita. Anche l'intreccio di erbe con le verdure aiuta a scoraggiare gli scavatori. Anche se saranno ancora in grado di rubare la frutta dalle piante da frutto, questo è stato un problema minore. Era il loro scavare e piantare noci nei miei letti che mi stava mettendo in una posizione di svantaggio. Quindi, su piccola scala, il filo di pollo funziona. Forse su scala più ampia alcuni cerchi con rete metallica potrebbero aiutare. Dato che non ho problemi con il mouse, un pollice funziona. Se hai dei topi, probabilmente avrai bisogno di una maglia più piccola.

  3. Abbiamo cercato di trovare alcuni buoni consigli per avviare un orto domestico. Questo è un ottimo consiglio e molte ottime informazioni che possiamo usare. Grazie mille per la condivisione!

  4. Il giardinaggio biologico rigenerativo è un approccio olistico alla coltivazione che si basa sulle pratiche tradizionali di giardinaggio biologico. Il giardinaggio rigenerativo va oltre il semplice evitare sostanze chimiche dannose e lavorare con la natura; lavora attivamente per migliorare la salute del suolo e dell'ecosistema. Pratiche come l'uso di compost, pacciame e colture di copertura aiutano a sequestrare il carbonio, aumentare la biodiversità e migliorare la ritenzione idrica.

  5. Il giardinaggio organico rigenerativo (ROG) è un ottimo modo per creare un ambiente ecologico, sostenibile e sano per le tue piante, i suoli e gli ecosistemi. Si basa sul principio di costruire la salute del suolo aumentando attivamente la materia organica nel suolo e incorporando organismi benefici come lombrichi e batteri utili che possono aiutare a ripristinare l'equilibrio negli ecosistemi del giardino. ROG lavora anche per proteggere l'ambiente riducendo il consumo di acqua, migliorando la qualità dell'aria e promuovendo la biodiversità nel paesaggio. Questo tipo di giardinaggio cerca di creare un sistema autosufficiente che sia salutare sia per le piante che per i microbi del suolo.

  6. L'approccio dell'agricoltura rigenerativa abbraccia la lavorazione del terreno da zero a zero. Le piante rigenerative sono, quindi, piante che si allineano con questo obiettivo: funzionano bene con poco o nessun disturbo del terreno e possono rimanere a lungo.

Lascia un Commento

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.